martedì 20 giugno 2017

Gae Aulenti


Eccoci a Milano, nella nuovissima Piazza Gae Aulenti.

E' la prima volta che la visito, l'altra volta che avevo postato le foto di questa piazza, le avevo fatte un pò da lontano, dalla stazione di Porta Garibaldi.
Ci si può arrivare con le scale mobili : comodissimo !
Ci sono tre grandissime basse fontane per la gioia dei bimbi che, in una giornata caldissima come quella del tre giugno scorso, ci corrono dentro, a piedi nudi. (Li invidio : vorrei farlo anch'io !!!) 
E' una piazza circolare molto tranquilla, le macchine qui non possono arrivare.
Tanti bei negozi da guardare, tanti spazi per passeggiare tranquillamente e qualche bar e ristorante, per non farsi mancare proprio nulla.
Sullo sfondo il Bosco Verticale.
Ecco le mie foto :







mercoledì 14 giugno 2017

A Milano



Ponte del 2 Giugno, fa caldissimooo !! Vorrei partire, andare almeno tre giorni sui miei monti ma, per problemi di salute in famiglia, non mi posso allontanare troppo.
Quindi decido di conoscere un pezzettino di Milano, che non ho mai visitato : la Darsena e il Naviglio Grande.
Per arrivarci, scendo dalla metro verde alla stazione di Porta Genova e, dopo quattro passi, arrivo alla Darsena, carina, tranquilla.
Quasi difficile credere che, a Milano, ci sia questo specchio d'acqua..




Nella Darsena si getta il Naviglio Grande e allora percorro la via che lo costeggia.



Per prima cosa incontro il Vicolo dei Lavandai, un luogo piccolo ma molto carino e fotografato, conserva l'antico lavatoio...



Oltrepasso un paio di ponticelli, uno ha tanti lucchetti lasciati dagli innamorati come pegno..







Vorrei arrivare alla Chiesa di San Cristoforo ma è troppo lontana, credevo che la strada fosse più corta, forse perchè c'è anche il sole che picchia...
Torno indietro, non vado neanche a vedere il Naviglio Pavese, sarà per un'altra volta.
Ora vorrei andare a vedere per bene la Piazza Gae Aulenti...che vi mostrerò la prossima volta..

giovedì 8 giugno 2017

Trecentesca


Con le foto di oggi, vi porto ad una manifestazione chiamata "Trecentesca" che si svolge ogni anno a Morimondo, provincia di Pavia, piccolo e antico borgo, molto carino, famoso per l'imponete abbazia cistercense.
Trecentesca è una manifestazione di ricostruzione storica medioevale ambientata nell'epoca viscontea e ricorda la battaglia avvenuta nel 1356 fra l'esercito milanese  comandato da Lodrisio Visconti e quello imperiale legato a Carlo IV di Boemia e alla coalizione anti viscontea , comandato dal conte tedesco Corrado di Landau, fondatore della prima compagnia di ventu
ra straniera.
Queste informazioni le ho trovate in internet e non so niente di più sugli esiti della battaglia.
Ma guardiamo le foto che ho fatto e che danno l'idea di cosa fosse la vita in un accampamento :











venerdì 2 giugno 2017

Andiamo al Palio

Domenica 28 maggio sono stata a Legnano per il Palio, una manifestazione  che si svolge annualmente,   dal 1935 per commemorare la battaglia combattuta il 29 maggio 1176 nei dintorni della città tra le truppe della Lega Lombarda e l'esercito di Federico Barbarossa.
La città di Legnano è divisa in otto contrade.
La manifestazione prevede una sfilata storica delle otto contrade, per le vie della città, fino allo stadio dove si disputa il palio, mediante una corsa ippica. La giornata era molto calda ma, per fortuna , ho trovato un posticino all'ombra da dove osservare e fare foto. 

E di foto ne ho fatte moltissime, ve ne mostro una piccola parte :
 











venerdì 26 maggio 2017

HYGGE

Già da un pò avevo notato questo libri negli scaffali del supermercato:  "IL METODO DANESE PER VIVERE FELICI"
Mi son chiesta : "Cosa faranno mai questi danesi per essere felici ?  C'è qualche cosa che posso fare anch'io ?"
Oltretutto ho letto che questo libro è il più venduto in Inghilterra e quindo mi son detta : "Devo proprio leggerlo !"


In effetti, nella nostra società siamo un pò tutti alle prese, tutti i giorni, con lavoro, stress, ansie e preoccupazioni che ci fanno perdere di vista le priorità della vita.
Siamo sempre tesi e pronti a esplodere ed è facile che a farne le spese siano i nostri cari. 


I danesi, il popolo più felice del mondo da oltre 40 anni secondo il Rapporto Mondiale della Felicità stilato ogni anno dall’Onu, hanno trovato la soluzione: l’ HYGGE
È una parola quasi intraducibile ma che si potrebbe descrivere come intimità, calore, accoglienza.
È la capacità di creare un ambiente che faccia sentire i familiari a proprio agio e li predisponga a momenti di serenità.
Questo libro, ricco di fotografie e di idee concrete, serve ad  avvicinare  allo stile di vita danese e aiuta 
 a rendere la  casa confortevole come fosse Natale tutto l’anno.
Suggerimenti semplici ed efficaci, come accendere delle candele, cucinare tutti insieme, decorare la casa, spegnere i cellulari e fare un gioco da tavolo, raccontarsi com’è andata la giornata a turno, ed esserci davvero in quel momento e in quel luogo.
Il modo più semplice per introdurre l’hygge nella vostra vita ed essere pienamente felici con le persone a voi più care.

Diciamo che mi è piaciuto leggere questo libro e che si può senz'altro prendere spunto da quanto propone.
Certo che i Danesi, col freddo e le ore di luce ridotte, so o avvantaggiati per uno stile di vita "higge".
Qui da noi, con un clima così diverso, non sarebbe certo la stessa cosa però si può prendere spunto, per una convivenza più serena e una vita più vivibile. 




(le foto e alcune notizie sono state prese dal web)

venerdì 19 maggio 2017

Villa Litta


Sabato 13 maggio, sono stata a Villa Borromeo Visconti Litta, a Lainate (MI) villa di delizie in cui arte, storia e divertimento lasciano il visitatore incantato da tanta bellezza per la varietà di mosaici, statue, affreschi, fontane e giochi d’acqua.



Fu il Conte Pirro I Visconti Borromeo – intorno al 1585 – a ideare il complesso ispirandosi alle ville medicee toscane e a trasformare la proprietà di Lainate in un luogo unico, grazie anche alle maestranze d’eccezione .



Il Conte fece realizzare i giardini e costruire il Palazzo delle Acque, più comunemente conosciuto come Ninfeo. La residenza diventò teatro di grandiose feste e ricevimenti, ma anche importante luogo di incontro per artisti e intellettuali .



Il Ninfeo è luogo di grandissima suggestione e – proprio per la ricchezza di decorazioni e di spettacoli idraulici – è considerato l’esempio più importante e significativo del genere, soprattutto perché - cosa assai rara - funziona, oggi, esattamente come allora, grazie a sofisticati meccanismi idraulici governati da abili fontanieri.



Epoca di costruzione: sec. XVI - sec. XVI
Le informazioni che ho riportato, le ho prese dal sito della villa.
Le foto che vi mostro, sono state fatte da me : 



lunedì 15 maggio 2017

A spasso



Approfittando di queste belle giornate di sole andiamo a passeggiare sul Naviglio Grande, detto anche Navili Grand, o Niviri. 
E' un canale che prende le acque dal fiume Ticino e termina nella darsena a Milano.
Mettiamo un paio di scarpe comode e ....via....da un luogo all'altro, passando sotto i vecchi ponticelli, che fresco vicino all'acqua !!!












Ecco, non è stata una bella passeggiata ?
Io ho pensato anche a fare le foto !