venerdì 20 aprile 2018

Una mostra


Vi segnalo questa piccola mostra che ho visitato di recente : si trova a Novara, al Broletto ed è dedicata a Gaudenzio Ferrari,  uno dei massimi esponenti del Rinascimento piemontese che ha lavorato soprattutto  nel  territorio tra Novara e Vercelli e Varallo Sesia. 

Sono dipinti a carattere religioso prestate da musei e chiese del territorio piemontese e lombardo che ci  fanno conoscere meglio il lavoro di questo artista.
E' molto bella e vale la pena di visitarla.
Riporto alcune foto , fatte da me ,  sono le locandine che raffigurano particolari importanti : 



domenica 15 aprile 2018

"E' Primavera"


Quest'anno la primavera ci ha portato freddo e tanta pioggia.
Io avverto una grande stanchezza e tanta voglia di dormire ma cerco di reagire  mangiando più frutta e camminando tutti i pomeriggi per almeno un'ora.


L'inizio della primavera mi incanta sempre con lo spettacolo degli alberi e dei cespugli che si riempiono di tanti colori.
Durante le mie passeggiate pomeridiane, ne ho fotografati alcuni.
Vi mostro le mie foto, in abbinamento con una poesia primaverile di Roberto Piumini.

Ecco :

"Quando la terra

è giovane e fresca,
quando la testa 
è piena di festa, 

 
quando la terra 
splende contenta, 
quando di erba 
odora il vento,
quando di menta 
profuma la sera 
è  Primavera. " 

(poesia di Roberto Piumini-foto di Mirty)



sabato 14 aprile 2018

Il cappello color porpora


A tre anni Lei si guarda e vede una Regina.
A otto anni Lei si guarda e vede Cenerentola.


A quindici anni Lei si guarda e vede una Brutta sorella ("mamma non posso andare a scuola con questo aspetto qui").

A venti anni Lei si guarda e si vede "troppo grassa/troppo magra, con i capelli troppo lisci/ troppo arricciati", ma decide che uscirà di casa lo stesso.

A trenta anni Lei si guarda e si vede "troppo grassa/troppo magra, troppo bassa/troppo alta, con i capelli troppo lisci/ troppo arricciati" ma decide che non ha tempo di risistemarsi e che uscirà di casa lo stesso.

A quaranta anni Lei si guarda e si vede "troppo grassa/troppo magra, troppo bassa/ troppo alta, con i capelli troppo lisci/ troppo arricciati" ma dice: "almeno sono pulita", ed esce di casa lo stesso.

A cinquanta anni Lei si guarda e si vede "esistere" e se ne va dovunque abbia voglia di andare.

A sessanta anni Lei si guarda e ricorda tutte le persone che non possono più nemmeno guardarsi allo specchio. Esce di casa e conquista il… mondo.

A settanta anni Lei si guarda e vede saggezza, capacità di ridere e saper vivere, esce e si gode la vita.

A ottanta anni non perde tempo a guardarsi. Si mette in testa un cappello color porpora ed esce per divertirsi con il mondo.


Dedicata a tutte le donne, con l’augurio di poter indossare, un giorno, quel cappello color porpora.


(Non conosco il nome dell'autore di questo brano)


 
(Marina Chulovich-Russia) 

martedì 10 aprile 2018

I fiori di Pasquetta


Nei giorni di festa, in occasione della Pasqua, non ho fatto nulla di speciale, solo qualche passeggiata.

Il giorno di Pasquetta, come lo scorso anno, sono stata a "Floribundia", mostra/mercato di piante e fiori.

Bella anche quest'anno ma mi pare che l'anno scorso, ci fossero più espositori; forse anche colpa del tempo che qui continua ad essere un pò freddo e anche le piante ne risentono e la fioritura è in ritardo.
Vi mostro alcune foto di questa manifestazione, fatte da me :



domenica 8 aprile 2018

Un premio

Giorni fa ho ricevuto un  premio dall'amica Fioredicollina, si tratta del "Friendship Blogger Award" : 


Il premio è stato ideato da Sinforosa, infatti il banner rappresenta un disegno fatto dai suoi alunni.
Ringrazio Fiore per aver pensato a me e riporto la motivazione da lei scritta  :

- Al vostro primo follower, ve lo ricordate? Io non mi ricordo perchè avendo il blog da quasi 12 anni è difficile: molti di voi che mi segono tuttora sono miei follower dai tempi in cui questo blog era su Splinder quindi nomino una blogger che ricordo da allora essere mia follower cioè  Mirtillo14 del blog http://mirtillo14-camminando.blogspot.it/

Grazie ancora e scusa se non lo giro ad altri : questa volta, lo dedico a tutti, nessuno escluso !

martedì 3 aprile 2018

Tulipani, tulipani.



Vicino a Milano c'è un campo di due ettari di terreno che, per il secondo anno consecutivo, viene coltivato interamente a tulipani. 

Sono stati piantati 350.000 bulbi di 312 varietà diverse che stanno incominciando a fiorire. 

Il campo è stato aperto nei giorni scorsi e verrà chiuso intorno alla metà di aprile, quando non ci saranno più tulipani.
Il biglietto di ingresso, che costa poco più di tre euro, dà diritto alla raccolta di due tulipani. 
Ma di tulipani se ne possono raccogliere quanti se ne vuole, quelli presi oltre ai due già compresi nel biglietto, vengono pagati a parte. 
Io sono andata a visitare questo campo il pomeriggio di Pasqua; di tulipani ne erano sbocciati ancora pochi perchè ha fatto freddo a lungo e la primavera è in ritardo. 
Credo che la piena fioritura ci sarà nei prossimi giorni. 
Vi mostro qualche mia foto : 






















domenica 1 aprile 2018

Per Pasqua ...



Quella sotto è una foto che ho scattato io, col mio cellulare, ieri a Novara. 

E' l’immagine inedita  in alta definizione della Cappella della Crocifissione del Sacro Monte di Varallo, capolavoro di Gaudenzio Ferrari.
Si trova nella piazza davanti al Duomo di Novara e misura, circa, 80 metri quadrati.
Riporto alcune notizie sulla sua realizzazione, prese in rete, dal sito "Passio Novara 2018" , che spiegano bene come è stata realizzata :


"Duemila scatti fotografici per realizzare un’immagine da 14 miliardi di pixel. È il numero dei fotogrammi che, ricomposti in post-produzione tramite un apposito software in 15 giorni di lavoro, hanno consentito di ottenere la gigantografia di circa 80 metri quadrati (10 metri circa di larghezza per 7 di altezza) esposta in piazza Duomo.


Realizzata da Gaudenzio Ferrari tra il 1517 e il 1520, la cappella rappresenta, con statue policrome, la scena della crocifissione di Gesù, immersa nell’ ambientazione offerta dalle pareti, affrescate a raffigurare altri personaggi e angeli che piangono sulla morte del Cristo.
La tridimensionalità del soggetto ha posto particolari difficoltà tecniche, tra cui l’esigenza di una messa a fuoco multipla di tutti i particolari, su diversi livelli di profondità, e di una corretta illuminazione in grado di assorbire le ombre riportate da una statua all’altra. La tecnica a più scatti ha consentito anche di eliminare dall’immagine la colonna, collocata al centro della cappella, che avrebbe disturbato la visione se l’immagine fosse stata acquisita con un solo scatto."





E poi alcune foto di Novara, del suo Duomo e di San Gaudenzio con la sua altissima cupola. 


Rinnovo a tutti i miei auguri di Buona Pasqua.